Italianistica Tunisia
ITALIANISTICA TUNISIA ITALIA CULTURA TURISMO VACANZE
Registrazione
Se non hai ancora un conto registrati (è gratis). Questo conto ti permetterà di accedere a tutte le funzioni del sito e di ricevere le newsletter.

giornale
Se sei gia registrato usa il seguente formulario per connetterti al sito :
Il presente conto è valido anche sul nostro forum.
Rubriche
Home
Notizie
Turismo
Cultura
Insegnamento
Moda
Salute e benessere
Spettacolo
Sport
Banners e bottoni
Tool Bar
Mappa del Sito
Podcast
Podcast
podcast italianistica Tunisia

cocktailjurken
abendkleider
vestidos de coctel 2014
Altri siti
Ideal Conception
bottone
bottone_toolbar
Copyright
Chi va via perde il posto all'osteria
Proporre un proverbio
Italianistica Tunisia Zantip

mercoledì 22 novembre 2017
ReadSpeaker webReader
Sei in : Home arrow Turismo arrow L'isola di Djerba
24 apr 2007
L'isola di Djerba PDF Stampa E-mail
martedì 24 aprile 2007
Ascolta questo articolo
djerba Italianistica Tunisia
 
 
Djerba, la più grande isola del Nord d’Africa, situata nel Golfo di Gabes di fronte alle coste della Tunisia, è collegata alla terraferma da un ponte romano. È considerata uno dei luoghi turistici più frequentati del Mediterraneo, in particolare è visitata dai francesi, dai tedeschi e dagli italiani. Dall’Italia infatti dista solo un paio d’ore d’aereo e il suo clima mite e asciutto quasi tutto l’anno, le spiagge di sabbia fine, la limpidezza delle acque, la ricezione alberghiera confortevole, spinge numerosi vacanzieri a scegliere questa meta per la propria villeggiatura.
Il capoluogo di Djerba è Houmt Souk, la cui caratteristica peculiare sta nelle case di colore bianco a forma d'alveare, chiamate dagli isolani “Menzel”. La lingua ufficiale è l’arabo, ma si parla anche il francese. La moneta è il dinaro tunisino.

Se si vogliono assaggiare i piatti tipici locali si può scegliere tra gli spiedini e il couscous, l'agnello cucinato in anfore di terracotta, il brik, una specie di crêpe farcita con uova, carne e verdura. Molto importanti, anche per l’esportazione sono i rinomati datteri. Le bevande più diffuse sono il tè aromatizzato alla menta ed il caffè dal gusto intenso.

Per chi vuole conoscere il territorio è possibile effettuare delle escursioni, organizzate dai vari tour operator presenti nelle varie strutture alberghiere, oppure si trovano altre opportunità offerte dai locali. Si va dalla passeggiata a cavallo, sui dromedari oppure sul calesse. Due volte la settimana si celebrano matrimoni berberi molto folkloristici ai quali possono assistere anche i turisti.

ESCURSIONI

Diverse sono le opportunità che vengono offerte ai turisti che vogliono esplorare il territorio per scoprirne le varie peculiarità.

Uno degli aspetti più caratteristici delle cittadina di Houmt Souk è il mercato, nel quale si possono trovare oggetti di ogni genere, a partire dai gioielli in argento ai manufatti in pelle fino ai tappeti variopinti di ogni grandezza e terracotte molto originali. In un souk (mercato) non possono mancare le profumate e coloratissime spezie, tra le quali troviamo la menta, l’anice e il cumino.

Un altro giro tipico è quello delle abitazioni berbere. Berberi o “uomini liberi”, sono denominati i gruppi etnici minoritari del Maghreb. Tra le attrazioni folkloristiche che vengono proposte ai villeggianti c’è il matrimonio berbero. In genere si viene accompagnati alla cerimonia in calesse. Altre occasioni per conoscere Djerba consistono nel Safari nel deserto, l’avventurosa notte trascorsa nelle tende berbere, oppure la visita in un’oasi marittima o per chi è amante del solo relax una gita in barca.


Diario di un’escursione

Djerba, aprile 2007

 Il modo più libero di esplorare Djerba, senza particolari vincoli di orari, è lo scooter.

Ci siamo trovati alle due del pomeriggio all’ingresso del villaggio nel quale eravamo alloggiati. Eravamo un piccolo gruppo, muniti di scooter, con una guida e siamo partiti alla scoperta dell’isola. Il giro prevedeva alcune tappe fondamentali in un tempo di circa tre ore. Abbiamo percorso alcuni km sulla strada principale e poi abbiamo imboccato una strada sterrata che ci ha condotto in un luogo stupendo chiamato “Laguna blu”. Il mare calmo, di un azzurro intenso, la spiaggia bianca, piccole barche di pescatori ormeggiate poco distanti, il senso di pace che si provava facevano desiderare di fermarsi lì. Invece dopo una breve passeggiata e alcune foto ci siamo rimessi in marcia. Ancora km, attraversando le tipiche case berbere, in quanto Djerba ha mantenuto nel corso dei secoli la sua tradizionale architettura. Fuori dal centro abitato si possono ammirare i maestosi ulivi, piante secolari piene di fascino. Abbiamo visitato un palmeto con dei pozzi antichi molto profondi. Siamo arrivati fino ad una fabbrica di terracotta molto interessante e abbiamo visitato anche le cave sotterranee. Siamo scesi in cunicoli molto stretti e profondi, illuminati solo da minuscole candele, dalle quali si estraeva il materiale per la lavorazione ddjerba Italianistica Tunisiai anfore e oggetti molto particolari.

Dopo aver visto un vasaio all’opera e aver fatto alcuni acquisti, siamo ripartiti. Abbiamo sostato presso un torchio antico nel quale si macinavano le olive.

 Dopo alcuni km abbiamo raggiunto una piccola moschea non più in funzione; la bianca struttura era distribuita su due piani.

L’ultima tappa è stata al lago salato. Un’immensa distesa a perdifiato… Abbiamo girato un pochino con gli scooter e poi paghi della giornata abbiamo fatto rientro nel villaggio.

 

 

Paola Mara De Maestri

(Tellus folio) 

 
_________________________________________
Condividi questo articolo con i tuoi amici :
Reddit!Del.icio.us!Google!Facebook!
Commenti
Nuovo RSS
ilbagnacavallo  - djerba   |05-03-2011 22:59:25
e lo chiami pezzetto?ci sono andato 16 volte,e debbo tornarci a maggio per la
nacita del figlio del mio amico aniss
fabiano   |09-09-2010 10:34:06
e un piacere mio....... se non sono troppo indiscreto volevo qualche in
formazione sul vesellame della vostra terra
nour   |09-10-2009 02:36:59
è un immenso piacere sentir parlare della "mia" isola in questo
sito.
grazie per dare l'opportunità a tanti di conoscere meglio questo pezzetto
della Tunisia.
Commenta
Nome:
Email:
 
Titolo:
UBBCode:
[b] [i] [u] [url] [quote] [code] [img] 
 
:angry::0:confused::cheer:B):evil::silly::dry::lol::kiss::D:pinch:
:(:shock::X:side::):P:unsure::woohoo::huh::whistle:;):s
:!::?::idea::arrow:
Riscrivi il codice anti-spam che vedi nell'immagine.
Per ricaricare un altro codice clicca sull'immagine.
 
< Prec.   Pros. >



 
Italianistica Tunisia Zantip
Mercato Italianistica
Clicca qui per vedere tutti i prodotti del Mercato
Usa il codice coupon ambiente2010 per approfittare di uno sconto speciale "Giornata Mondiale dell'Ambiente" del 5%
Donazione Libera

Scegli la somma :



Immagine casuale

Tunisi di giorno 9

Un gioco casuale
Plops

High Score: 2925
By: slim
Le Ultime del forum

forum Italianistica Tunisia
pagerank7.gif